Archivio | luglio, 2013

Antonio Ricci e Striscia perdono la causa contro Giovanni Panunzio, fondatore dell’Osservatorio Antiplagio. Anche i Ricci piangono?

8 Lug

La Corte di Cassazione ha respinto il ricorso di Antonio Ricci contro la sentenza d’Appello che aveva assolto il fondatore di Osservatorio Antiplagio, Giovanni Panunzio, dall’accusa di aver diffamato il patron di Striscia la notizia. Il 16 febbraio 2006, dopo aver testimoniato al processo Wanna Marchi, insieme allo stesso Ricci e a Jimmy Ghione, Panunzio aveva contestato a Ricci di usare due pesi e due misure nelle battaglie di Striscia contro i ciarlatani e di non attaccare i veggenti e sensitivi appartenenti alla “parrocchia” RTI pubblicizzati in oltre 200 pagine del teletext di Mediaset, aggiungendo che parte dei compensi degli autori e conduttori di Striscia deriva dai proventi dei sedicenti maghi di Mediavideo. Per tali affermazioni Antonio Ricci e RTI avevano querelato Giovanni Panunzio, che in primo grado era stato condannato a 500 euro di multa: la pena era stata condonata. Ma Panunzio aveva fatto appello e il 15 giugno 2012 era stato assolto perché il fatto non costituisce reato. Venerdì 5 luglio 2013 la Suprema Corte ha confermato l’assoluzione di Giovanni Panunzio, difeso dall’avvocato Stefania Farnetani, condannando al pagamento delle spese Antonio Ricci, assistito dall’avvocato Salvatore Pino.
Sarcastico il commento di Giovanni Panunzio: “Anche i Ricci piangono”.

NELLA FOTO: RICCI NELLA RETE

Image

Annunci