Osservatorio Antiplagio assegna il doppio tapiro ad Antonio Ricci per i due servizi falsi di Fabio e Mingo. Ma Striscia è un tg vero?

10 Mag

antonio-ricci-638x425

Antonio Ricci attapirato due volte

Il caso dei servizi taroccati dagli inviati di “Striscia la notizia” Fabio e Mingo, scoperti dalla Procura della Repubblica di Bari, è una novità vecchia come il cucco. La scrive in una nota l’Osservatorio Antiplagio, comitato di vigilanza sulla tv e sui “media”. Da quando in qua, infatti (continua Osservatorio Antiplagio), un tg che non è un tg, condotto da giornalisti che non sono giornalisti ha la pretesa o la presunzione di divulgare news che sono news? Nel caso di Fabio e Mingo, poi, c’è un tarocco nel tarocco: da 19 anni scopiazzano gli attori statunitensi Jay e silent Bob. Uno parla, l’altro no; uno è smilzo, l’altro no; uno agisce in primo piano, l’altro no. E silent Bob, per completare l’opera, indossa pure un cappellino da baseball al contrario. Ricordano o non ricordano, poco vagamente, Fabio e Mingo? O sono questi ultimi che scimmiottano i loro idoli americani? Il fatto che gli intervistati taroccati di Fabio e Mingo fossero attori e recitassero la parte dell’avvocato o della maga – prosegue Osservatorio Antiplagio – non aggiunge e non toglie nulla al finto tg che recita la parte del tg vero, perfino con una finta ciarlatana: il top della contraddizione in termini. Come se esistessero maghi autentici! Né la messinscena in questione è attività truffaldina nei confronti del telespettatore, che ormai sa tutto sulla tv artefatta; o nei confronti di un tg posticcio, dove tutti peraltro fanno gli attori. Rimane solo un dubbio: se si dovrà accertare il presunto dolo nei servizi contraffatti di Fabio e Mingo, si ricorrerà alle leggi sulla stampa ed al coinvolgimento del responsabile del programma, Antonio Ricci? Oppure, visto che Striscia non è un tg, sarà solo il duo pugliese, con i colleghi attori e complici, a pagare? Perché se è qui che vogliono andare a parare la trasmissione ed il suo autore, mettendosi a disposizione dei giudici e denunciando gli ex-inviati, si vedranno costretti a denunciare involontariamente anche la loro inesistenza, quali operatori dell’informazione. Dopo di che “Striscia la notizia” potrebbe diventare, per esempio, la voce dell’insussistenza, o dell’inconsistenza: nessuno si scandalizzerebbe. Insomma – conclude Osservatorio Antiplagio – delle due l’una: o è tutto vero, e allora deve essere indagato anche il primo responsabile del programma, cioè Antonio Ricci, che se guadagna più di tutti qualche rischio dovrà pur prenderselo; o è tutto falso, e allora i falsi servizi di Fabio e Mingo sono destinati a finire nel dimenticatoio della tv-spazzatura, come gli altri. La via di mezzo quale sarebbe? La verità quando fa comodo? Troppo comodo! “Striscia la notizia” non può vivere di questa incertezza, non è da lei: confessi una volta per tutte che cosa è. O forse non essere né carne, né pesce vuole essere invece un salvacondotto per l’anarchia televisiva?

fabio.mingo3

A sx gli attori USA “Jay e silent Bob”, a dx i loro emulatori pugliesi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: